.
Annunci online

  vivaleuropa [ Notizie e analisi su politica, società e cultura dei Paesi europei con un approccio europeista e filoccidentale, contro le tirannie e il terrorismo ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


ISTITUZIONI EUROPEE
Unione Europea
Commissione Europea
Parlamento Europeo
Consiglio Europeo
Presidenza francese dell'UE
Presidenza ceca dell'UE
Consiglio d'Europa

SITI SULL'EUROPA
Euronews
EU Observer
Radio Free Europe / Radio Liberty
ANSA Europa
ANSA Balcani

STAMPA LIBERALE
Il Foglio
Il Giornale
Le Figaro

BLOG
Liberali per Israele
Barbara (per Israele)
Deborah Fait
ShockAndAwe, anticomunista
Mauro, trevigiano liberale ed eclettico
s1m0ne
ilsignoredeglianelli
Magnifiche Sorti
Italia svegliati
maotzedong
Hurricane_53
agiamo
Germany News
Giovanni Boggero
Notizie dall'Irlanda
Il Giovine Occidente
Ucraina, un paese che si apre all'UE (in francese)

PETIZIONI
Petition them
Petition online
Petizione per Robert Redeker
Ucraina nell'Unione Europea
Israele nell'UE (Radicali)
Israele in Europa (Comitati per la Libertà)

COMITATI, MOVIMENTI, PARTITI EUROPEISTI
Forza Italia
Partito Popolare Europeo
Comitati per la Libertà

GRUPPI DELL'EUROPARLAMENTO
Gruppo dei Popolari Europei e dei Democratici Europei (PPE-DE)
Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l'Europa

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


24 ottobre 2007

Turchia, bombardamenti in Irak

Ankara - Ai bombardamenti delle forze armate turche contro i "santuari" dei separatisti curdi turchi del Pkk in Nord IraK, domenica scorsa, ha partecipato anche l’aviazione con cacciabombardieri F-16. Lo ha detto un ministro turco, citato oggi dalla stampa nazionale. I bombardamenti sono stati decisi in rappresaglia per un nuovo attacco dei guerriglieri del Pkk contro una unità dell’esercito turco, in cui sono stati uccisi 12 soldati nel sud est dell’Anatolia, a qualche chilometro dalla frontiera irachena. Diversi cacciabombardieri F-16 hanno colpito prima obiettivi situati proprio sulla frontiera, poi sono penetrati fino a 50 km sopra il territorio iracheno per colpire ripetutamente basi dei ribelli, secondo quanto ha detto il vice primo ministro Cemil Cicek citato dal quotidiano Hurriyet. Le forze armate turche hanno detto di aver ucciso in combattimenti a partire da domenica 34 guerriglieri del Pkk.
Sconfinamento in Irak Forze di terra turche hanno inseguito tra domenica e ieri sera, sconfinando in Nord Iraq per circa 20 chilometri, i ribelli curdi del Pkk che avevano attaccato un contingente turco ad Hakkari, uccidendo 12 soldati turchi. Le fonti militari hanno chiarito che questi sconfinamenti per inseguimenti "a caldo", che sono esclusi dall’accordo di sicurezza turco-iracheno firmato a settembre, potranno ripetersi in futuro. Le fonti hanno chiarito che queste azioni non rappresentano l’attuazione di quella incursione massiccia in Nord Iraq, autorizzata il 17 ottobre dal Parlamento turco al fine limitato di distruggere i campi del Pkk (Partito dei lavoratori del Kurdistan) in Nord Iraq, da dove secondo Ankara muovono i ribelli curdi per compiere sanguinose azioni armate in Turchia.
Esercito schierato Dopo diversi attacchi sanguinosi dei separatisti curdi contro soldati turchi, Ankara ha minacciato di fare una vasta operazione contro le basi del Pkk in Iraq settentrionale, una regione autonoma controllata da un governo curdo. Le forze armate hanno schierato 30mila soldati a ridosso del confine con il Kurdistan iracheno, e il parlamento di Ankara ha dato carta bianca al governo del premier Recep Tayyip Erdogan per lanciare, quando lo riterrà opportuno, la minacciata operazione in Iraq settentrionale. Per scongiurare questa eventualità, paventata da Baghdad e da Washington che temono una ancora più grave destabilizzazione dell’Iraq, la diplomazia americana e irachena è freneticamente all’opera da giorni.

(da
www.ilgiornale.it)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Turchia Irak Iraq PKK Kurdistan terrorismo

permalink | inviato da vivaleuropa il 24/10/2007 alle 16:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 luglio 2007

La Turchia potrebbe invadere il Kurdistan iracheno

La Turchia ha il piano anti-PKK
Esercito pronto a invadere l'Irak


da Ankara

La Turchia è a un passo dall'intervento armato in Nord Irak. Da settimane nel Paese della Mezzaluna si rincorrono voci sulla possibilità di un attacco e, dopo il premier Recep Tayyip Erdogan, adesso è arrivata una conferma anche dal ministro degli Esteri Abdullah Gül, fino a questo momento molto cauto sull'argomento. Parlando con la Cnn Turk, il capo della diplomazia ha detto: «Ogni scenario a questo punto è possibile. Conosciamo il piano elaborato dai militari nei dettagli. Non me la sento di dire che dopo le elezioni (il 22 luglio prossimo ndr) non ci sarà un intervento armato».
La cosiddetta questione curda divide l'opinione pubblica nel Paese da alcuni mesi, insieme con una crisi politica senza precedenti e lo scontro fra istanze laiche e islamico-moderate. Una miscela che rende la Turchia simile a una polveriera sul punto di esplodere.
Le posizioni sull'intervento in nord Irak sono note da tempo. L'establishment militare e l'ultra laico presidente della Repubblica in carica, Ahmet Necdet Sezer, sono a favore di un'operazione oltre confine. L'obiettivo è scovare i circa quattromila militanti separatisti del Pkk, il Partito dei lavoratori del Kurdistan, considerato un'organizzazione terrorista sia in Europa sia negli Stati Uniti. Secondo l'esercito, debellare questi nuclei, che trovano protezione nella regione autonoma curda del Nord Irak, governata da Massoud Balzani, significherebbe porre la parola fine a una guerra intestina fra stato turco e militanti separatisti, un conflitto che dal 1984 ha provocato oltre 40mila vittime.
Diverso, almeno fino a un paio di settimane fa, l'atteggiamento del governo islamico moderato di Recep Tayyip Erdogan, favorevole a una mediazione con il governo iracheno, anche a causa dei contratti petroliferi che il Ministro dell'Energia turco Hilmi Guler stava cercando di chiudere nella zona di Kirkuk. L'attentato ad Ankara dello scorso 22 maggio, costato la vita a sei persone, gli attacchi alle località turistiche, che si ripetono con regolarità ogni estate, e soprattutto la campagna elettorale, hanno portato il primo ministro a tornare sulle sue posizioni.
Il 6 giugno scorso, circa duemila soldati hanno invaso il territorio iracheno per circa 30 chilometri. Un'operazione lampo, negata dal governo di Ankara ma confermata ai media dagli ufficiali presenti sul posto. Negli ultimi 14 giorni si sono tenuti due incontri fra Erdogan, Gül e il capo di Stato maggiore turco, generale Yasar Buyukanit. Fino a questa settimana sembrava che l'intervento militare potesse essere evitato. Era stata elaborata una proposta da presentare a Nouri al-Maliki, che ha promesso al governo turco una visita imminente per parlare della questione: una fascia di sicurezza in territorio iracheno, larga da 10 a 20 chilometri, lungo il confine con la Turchia e costantemente presidiata da truppe della Mezzaluna.
Poi, mercoledì, la svolta. Yasar Buyukanit ha convocato una conferenza stampa straordinaria, nella quale ha detto, senza mezzi termini che un attacco armato oltre il confine era necessario. Il giorno dopo dalla Casa Bianca, è arrivata una risposta secca, apertamente contro l'ipotesi di un intervento. Ma Washington sembra aver avuto un effetto negativo sulle intenzioni del governo. Gül ha parlato per la prima volta di incursione e Salih Kapusuz, capogruppo in parlamento dell'Akp, il partito di maggioranza, ha addirittura accorciato i tempi. Parlando con il quotidiano Zaman ha detto: «Possiamo ancora convocare in seduta straordinaria l'assemblea e approvare la mozione di intervento militare».
Intanto il 22 luglio si vota. Dopo la Turchia si troverà con una situazione incandescente non solo sul confine nord iracheno, ma anche al suo interno, con un nuovo governo, un nuovo presidente della Repubblica ancora da eleggere e una guerra fra parte laica e filoislamica. Quella si dice una lunga estate calda.


(Marta Ottaviani su Il Giornale del 1° luglio)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. turchia esercito kurdistan irak pkk

permalink | inviato da vivaleuropa il 1/7/2007 alle 10:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre        novembre

Questo blog viola espressamente
il decreto legge 262 del 3/10/2006
di riforma della legge sul diritto d'autore



Questa è la bandiera italiana!


Siamo tutti danesi! Per la libertà di espressione e contro il bavaglio che ci vogliono mettere in nome del politically correct


Siamo tutti estoni!
Per la sovranità di Tallinn e contro l'ingerenza del Cremlino

Viva l'Occidente!
Eurabia. Come l'Europa è diventata anticristiana, antioccidentale, antiamericana, antisemita

Bat Ye'or è la nuova Fallaci. Leggete e diffondete questo libro!





Viva Israele!








Partiti europei

Europa
Partito Popolare Europeo
 
PPE

Francia
Union pour un Mouvement Populaire
Union pour un mouvement populaire


Germania
Christlich-Demokratische Union

CDU



Italia
Popolo della Libertà

Popolo della Libertà



Locations of visitors to this page


p>