.
Annunci online

  vivaleuropa [ Notizie e analisi su politica, società e cultura dei Paesi europei con un approccio europeista e filoccidentale, contro le tirannie e il terrorismo ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


ISTITUZIONI EUROPEE
Unione Europea
Commissione Europea
Parlamento Europeo
Consiglio Europeo
Presidenza francese dell'UE
Presidenza ceca dell'UE
Consiglio d'Europa

SITI SULL'EUROPA
Euronews
EU Observer
Radio Free Europe / Radio Liberty
ANSA Europa
ANSA Balcani

STAMPA LIBERALE
Il Foglio
Il Giornale
Le Figaro

BLOG
Liberali per Israele
Barbara (per Israele)
Deborah Fait
ShockAndAwe, anticomunista
Mauro, trevigiano liberale ed eclettico
s1m0ne
ilsignoredeglianelli
Magnifiche Sorti
Italia svegliati
maotzedong
Hurricane_53
agiamo
Germany News
Giovanni Boggero
Notizie dall'Irlanda
Il Giovine Occidente
Ucraina, un paese che si apre all'UE (in francese)

PETIZIONI
Petition them
Petition online
Petizione per Robert Redeker
Ucraina nell'Unione Europea
Israele nell'UE (Radicali)
Israele in Europa (Comitati per la Libertà)

COMITATI, MOVIMENTI, PARTITI EUROPEISTI
Forza Italia
Partito Popolare Europeo
Comitati per la Libertà

GRUPPI DELL'EUROPARLAMENTO
Gruppo dei Popolari Europei e dei Democratici Europei (PPE-DE)
Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l'Europa

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


19 maggio 2008

The elephant on the European doorstep

16.05.2008 - 07:36 CET | By Peter Sain ley Berry

EUOBSERVER / COMMENT - Politically, it has been a propitious time for those named Boris. Not only do we now have a Boris as Mayor of London, but, in the Balkans, the parties that support Serbian President Boris Tadic, and seek a European future for Serbia, defeated those that affected an isolationist persuasion. Whether Mr Tadic will now be able to form a pro-European government remains to be seen.

The European Union's position at least is settled. The Western Balkans - seven countries with a population of approximately 27 million - have been offered a European future, subject only to satisfying the normal criteria. This process will take time but few doubt the result. We are on course therefore for an EU of 34.

This will make the government of the EU more complex. If there are 15 possible bilateral relationships in a community of six, there are 351 in a community of 27. Adding a further seven states increases the complexity by a whopping 210. Apart from this complexity there will be other consequences, including for financing, for decision-making, for the distribution of MEPs and Commissioners. None of this seems to be being discussed. Nevertheless, there is general agreement that the Western Balkans should accede to the Union in due course. Public opinion is broadly favourable.

The same cannot be said for Turkey, to which Queen Elizabeth II of Britain paid a state visit this week. At the formal banquet she praised the advances made by the government and rehearsed Britain's credentials as a champion of Turkish entry. Although Turkey is formally a candidate for accession, the end of that process seems as far away as ever. Britain, and her allies among the newer member states, may champion Turkish entry for sound geo-political and geo-economic reasons, but France and Germany most certainly do not. Moreover, European public opinion is divided.

The reasons are partly geographical. I remember a former President of the European Commission, the late Roy Jenkins, saying that the then Turkish President had acquired a piece of paper from some prestigious geographical institute certifying Turkey's Europeaness. His response was that any country that needed a piece of paper..... probably wasn't European.

In this he was no doubt correct, though in the absence of a recognised border with Asia, who can say? But there are other more important arguments - financing of the poor but populous Turkish state is one, the internal coherence of the Union is another. Which is why France and Germany have been trying to divert Turkey down the route of a ‘privileged partnership,' instead of full accession, through which the EU's commitment might be modified if necessary. Turkey, of course, is having none of that. Meanwhile the accession negotiations drag on.

Out of 35 chapters only six have been opened and eight are frozen by the Cypriot stand-off. France, which assumes the rotating Union Presidency on 1st July, has said it will continue the negotiations in good faith. This is a semi quid pro quo for Turkey agreeing to sup from the poisoned chalice of France's ‘Mediterranean Union' scheme (now formally adopted by the EU) designed to provide a political forum for the EU and its Mediterranean neighbours.

Turkey has been told specifically that belonging to the Mediterranean Union will not affect its EU candidacy. But as the French rather hope that the Turks may be persuaded to accept some leadership role in this body - so taking its mind off EU membership - it would be prudent for them to take this assurance with a grain of salt.

What is certain is that the Union would not be the same if Turkey joins with its 80 million population. It would not necessarily be a worse Union, or a better Union, but it would be a different Union. For quite apart from the effect that Turkey itself will have on the existing member states, its accession would change the dynamics of other nations looking for a European future. Chief of these is the Ukraine whose Prime Minister, Yulia Tymoshenko, was again this week announcing her intention to bang on Mr Sarkozy's door come July.

In fact, when it comes to European credentials the Ukraine has rather better claims than Turkey. It's capital, Kiev, is closer to Brussels, for instance, than Athens. Moreover, as anyone reading Heinrich Boell's - great anti-war novel ‘Der Zug war Punktlich,' can appreciate, Germany, Poland and the Ukraine are but stations on a journey into Europe's deep hinterland. The railway line is no doubt still there.

It is true to say that with its 55 million people the Ukraine is therefore the elephant on our European doorstep. Still, the policy is to resist giving any hint of promise of future membership. True, the country has much to reform before it could become a credible candidate. Nevertheless, it has as much right to lay claim to its place in the European firmament as anyone else. The banging on the door will become louder and more insistent. There will be other bangings, too; Georgia is already demanding to be heard. Belarus, Moldova, the other Caucasian nations may well follow suit.

No one can believe the Union can remain the same should these accessions take place. Again, they are not necessarily to be resisted. It may be in our interest that we should go ahead. But we should not sleepwalk toward a decision, finding out too late that we have no room left for manoeuvre.

For despite the frequency of the phrase, ‘Future of Europe,' and constant enjoinders to discuss it, a conspiracy of silence surrounds anything more remote than the entry into force of the Lisbon Treaty. Only the French President, Nicolas Sarkozy, has raised the difficult questions about where the future borders of Europe should lie and what sort of Europe, in terms of its integration, competencies and governance, we are seeking. And short shrift he has got for his pains.

This is unfortunate, for the Future of Europe is the future of the next thirty or forty years.
I do not see how we can continue to espouse Turkey's candidacy and not that of the Ukraine. But this has consequences. If we are to have a grand Europe, a Europe of 42 states and 700 millions of people, it is not too early to start debating the prospect now.

The author is editor of EuropaWorld

© 2008 EUobserver, All rights reserved


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. turkey eu ukraine

permalink | inviato da vivaleuropa il 19/5/2008 alle 10:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 febbraio 2008

Ballottaggio presidenziale domani in Serbia

Un nuovo crocevia per la Serbia. Più di sette anni dopo la cacciata di Slobodan Milosevic, i serbi dovranno scegliere fra l'isolazionismo del nazionalista Tomislav Nikolic e l'apertura all'Europa rappresentata dal presidente uscente Boris Tadic.
La sfida si annuncia serrata, a decidere il risultato potrebbero essere poche migliaia di voti su un totale di quasi 7 milioni di elettori serbi.
Al primo turno due settimane fa, Tadic era arrivato secondo. Il presidente, membro della coalizione che nel 2000 tolse il potere al regime di Milosevic, spera che nella popolazione prevalga ancora il desiderio di integrazione nell'Unione europea. Ma Bruxelles rischia di riscuotere poco entusiasmo in Serbia.
Il nazionalista Nikolic conta proprio sulla delusione dei serbi - che si trovano peraltro in una situazione economica non rosea - di fronte alla dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo. Pristina ha annunciato che la secessione è imminente e gode del sostegno europeo e statunitense.


da Euronews

Viva l'Europa appoggia Boris Tadic e si augura che Belgrado possa intraprendere presto il cammino verso l'Unione Europea.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. elezioni Serbia Kosovo Tadic Nikolic

permalink | inviato da vivaleuropa il 2/2/2008 alle 16:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 dicembre 2007

Questa volta la Tymoshenko ce la fa

Yulia Tymoshenko è stata eletta primo ministro dell'Ucraina. La leader della rivoluzione arancione torna al potere a 2 anni dalla sua destituzione.
Il parlamento l'ha votata dopo che un primo scrutinio, la settimana scorsa, si era concluso negativamente per la vincitrice delle ultime politiche, forse a causa di franchi tiratori in seno al suo stesso partito, il blocco Timoshenko, filo-occidentale. I suoi fedelissimi avevano allora imputato l'insuccesso al mal funzionmento del voto elettronico ed avevano preteso un voto palese per alzata di mano. Timoshenko ha ottenuto 227 voti su 450.


(da EuroNews)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ucraina Tymoshenko

permalink | inviato da vivaleuropa il 18/12/2007 alle 14:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 novembre 2007

UE: ILLY, APRIRE ALLA RUSSIA: NON E' UN MIRAGGIO

UDINE - Per Riccardo Illy, Presidente del Friuli Venezia Giulia e dell'Are (Assemblea delle regioni d' Europa) ''aprire l' Unione Europea alla Russia non e' un miraggio, ma un' opzione concreta''. Intervenendo all' assemblea dell' Are, in corso a Udine, Illy ha citato il sociologo Alberoni che prevedeva l' unita' delle due Germanie gia' nel 1983. ''E' certo che la Russia faccia parte dell' Europa - ha detto Illy - e l' Unione Europea deve migliorare i rapporti con Mosca, cosi' come lo devono fare tutti gli altri Stati membri''. Al riguardo Illy ha citato una riunione dell' Are a Samara, una delle regioni della Russia piu' orientale. ''Ebbene - ha detto - in quella regione mi sono sentito come a casa mia, come in Norvegia o in qualsiasi altro paese d' Europa''. Per Illy un ruolo importante nell' integrazione della Russia nell' Unione Europea ''lo devono o lo possono svolgere le Regioni''. /SM

Bravo governatore! Adesso la sinistra italiana e i politici del resto d'Europa non avranno più motivo per canzonare Silvio Berlusconi che porta avanti questa idea da anni. Chissà che un po' alla volta anche altri politici europei non aprano gli occhi e non si rendano conto che la Russia non è Putin ma un Paese con una grande cultura e una storia europea, almeno dal 1703 quando, con la fondazione di San Pietroburgo, lo zar Pietro il Grande la ancorò definitivamente alla vecchia Europa.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Russia UE Illy

permalink | inviato da vivaleuropa il 20/11/2007 alle 15:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 novembre 2007

Legislative in Danimarca: vince ancora Rasmussen

Ha vinto. Per la terza volta guiderà il suo paese. Nessuno, in Danimarca, aveva ottenuto tre mandati consecutivi. C'è riuscito Anders Fogh Rasmussen, il primo ministro uscente. Il suo partito, i Liberali, si sono confermati la prima forza politica pur perdendo qualche voto.
Sarà molto probabilmente a capo di una coalizione di centro-destra: infatti Liberali e conservatori possono contare sulla maggioranza assoluta in parlamento, anche se di stretta misura, alleandosi con l'estrema destra del Partito del popolo danese.
I numeri non rendono invece indispensabile un accordo con la neonata formazione centrista Nuova Alleanza, che aveva sempre escluso di allearsi con l'estrema destra.
"Questa vittoria è storica - ha affermato Rasmussen - per la terza volta il partito liberale vince le elezioni e per la terza volta si conferma primo partito del paese".
Rasmussen non ha chiarito in compagnia di chi intenda affrontare le sfide che lo attendono nei prossimi 4 anni. Vincitore, certo, non trionfatore. Rasmussen aveva voluto elezioni anticipate per smarcarsi dall'estrema destra, per avere le mani libere per attuare la sua politica, invece si trova nella stessa situazione che ha preceduto le elezioni.

(da Euronews)

La coalizione di centro-destra ha almeno 90 seggi su 179
I Liberali del premier Rasmussen perdono terreno ma rimangono il primo partito in parlamento con 47 seggi. Stabili gli alleati Conservatori con 18. L'estrema destra del Partito del popolo danese guadagna un posto e si attesta a quota 25.
La Nuova Alleanza, che non esisteva alle scorse elezioni, ha ottenuto 5 scranni.
Stabile nel suo complesso la sinistra che vede i suoi seggi così ripartiti: 23 ai Popolar-socialisti, 45 ai Social-democratici, 9 ai social-liberali. All'Alleanza rosso-verde vanno 4 seggi.
Non è ancora noto, invece, il colore politico di tre rappresentanti di Groelandia e isole Faroe.

(da Euronews)



31 ottobre 2007

Esplosione su un bus in Russia

Esplosione sul bus, almeno otto morti

Un ordigno artigianale causa una strage su un pullman di linea a Togliatti, nella Russia centrale

MOSCA (Russia) - E' di almeno otto morti e 42 feriti il bilancio dell'esplosione di un ordigno artigianale avvenuta su un autobus a Togliatti, grossa città sul Volga a circa un migliaio di chilometri a ovest di da Mosca, dove vivono 700 mila persone.

I SOCCORSI - Lo riferisce l'agenzia Interfax, citando fonti dell'ospedale dove sono stati portati i feriti. Sul posto, da quanto si è appreso, sono all'opera una decina di equipaggi di soccorso ed è arrivato anche il governatore della regione di Samara, assieme a un folto gruppo di inquirenti che stanno cercando di appurare l'esatta dinamica dei fatti e di capire chi possa avere architettato la strage. Secondo quanto riferito dai primi testimoni, la deflagrazione ha completamente squarciato il veicolo del servizio pubblico che stava percorrendo una strada alle porte della città.

LA CITTA' - Togliatti, centro industriale conosciuto soprattutto per la produzione di automobili (vi ha sede la Vaz, che negli anni Settanta aveva avviato una collaborazione con Fiat), ha origini nel 1700 ma deve il suo attuale nome ad un omaggio che i vertici del Pcus vollero rendere negli anni Sessanta al segretario del Pci, Palmiro Togliatti.

(da Corriere.it)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Togliatti Russia bus esplosione

permalink | inviato da vivaleuropa il 31/10/2007 alle 11:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 ottobre 2007

... la Svizzera no!

In Svizzera non cambia niente, o molto poco. L'UDC, Unione Democratica di Centro che in realtà è un partito di destra nazionalista ed euroscettico, incrementa i consensi guadagnando 6-7 seggi rispetto al 2003, quando divenne partito di maggioranza relativa. Il partito di Blocher ottiene quasi il 29% dei voti e 61-62 seggi. E' il primo partito in 3/4 della confederazione, esclusi il Ticino e la Svizzera romanda (ma non Ginevra!) e pochi altri.
Molto più in basso, i socialisti si aggirano sul 20%. I due partiti di centro, quello liberale radicale e quello democratico ottengono 31 seggi ciascuno, come dire che insieme contano quanto l'UDC da sola.
Il secondo vincitore delle elezioni federali sono i Verdi, che superano il 10%.
In ambito europeo, quindi, cambierà poco o niente. Continuerà l'isolamento e una futura integrazione all'UE si farà sempre più difficile.
Ma dell'Europa agli svizzeri non interessa molto. Avevano paura dello straniero (gli stranieri sono il 30% in Svizzera) e quindi si sono rifugiati in Blocher che caccerà via le pecore nere. Complimenti!

(di Michele Bondesan)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Svizzera UDC Blocher euroscetticismo

permalink | inviato da vivaleuropa il 22/10/2007 alle 9:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 ottobre 2007

La Polonia sceglie di cambiare...

Vince Tusk, Kaczynski a casa (ma solo uno!)
Era nell'aria: la Polonia non ne poteva più del nazionalismo kaczynskiano, quel nazionalismo populista di un partito (PiS, Diritto e Giustizia) che veleggiava sulle onde dell'anticomunismo, dell'euroscetticismo e della lotta alla corruzione, salvo poi essere esso stesso corrotto. Il partito che ce l'ha con i russi ma anche con i tedeschi, quindi un po' con l'Europa tutta.
Ebbene, la rivoluzione culturale e morale tentata dai gemelli Kaczynski (Lech Presidente e Jaroslaw Primo ministro) è fallita. I polacchi non vogliono moralismi, nazionalismi, né uno stato iperprotettivo che forse ricorda loro quello comunista.
Ha vinto Piattaforma Civica (PO) del liberale di centrodestra Donald Tusk, lo sconfitto nel duello presidenziale del 2005 contro Lech Kaczynski. Con Tusk vince la Polonia dei giovani che vuole crescere forte e non assistita dallo Stato. Vince la Polonia che vuole essere al centro dell'Europa e non sempre alla ricerca di compromessi al ribasso per contraddire gli altri.
Quasi tutti sapevano che Tusk avrebbe vinto. Nessuno pensava che avrebbe stravinto. Il suo partito prenderebbe da solo quasi la metà del Sejm (Dieta, la Camera bassa) e vincerebbe anche al Senato.
Il PiS ha preso molti più voti di due anni fa ma ha perso. Motivo? L'affluenza è passata dal 38% al 55%, con punte del 72% a Varsavia e del 66% a Poznan. Il premier uscente Jaroslaw ha ammesso la sconfitta.

Ma quando arrivano gli exit-poll?
Gli exit-poll erano previsti alla chiusura dei seggi, poco dopo le 20, invece sono arrivati alle 22.55, per problemi tecnici. Il messaggio è chiaro: Tusk vince, Kaczynski migliora ma perde. Piattaforma civica è fra il 43 e il 44% e avrebbe oltre 220 seggi Diritto e Giustizia al 33% ne otterrebbe più di 150. Il partito agrario alleato di Tusk, con oltre 30 seggi garantirebbe una maggioranza stabile al futuro premier.

Dov'è finita la sinistra?
E' vero, Jaroslaw Kaczynski ha perso, ma non esce malissimo da queste elezioni. Chi invece ne esce con le ossa rotte è la sinistra. Il partito LiD (Sinistra e Democratici) fondato poco prima delle elezioni dall'ex Presidente della Repubblica ed ex comunista Kwasniewski prende solo il 13% e una cinquantina di seggi. Come dire: poco più di un nono del parlamento.
Se Sarkozy in Francia ha creato scompiglio tra i socialisti con la sua politica "di apertura" (che lo ha portato a chiamare al governo esponenti socialisti come Bernard Kouchner), ma senza distruggere il PS, che al secondo turno delle legislative ha scongiurato la "vague bleue" che appariva inevitabile, l'impresa di fare a pezzi la sinistra è riuscita a Donald Tusk, che forse non ci pensava neanche.

Chi resta fuori
Restano fuori dalla Camera bassa polacca la Lega delle Famiglie Polacche e Autodifesa, i due partiti ultra-conservatori che hanno fatto a lungo da stampella al governo di Jaroslaw Kaczynski.
Resta fuori l'estrema sinistra (un fatto che dovrebbe fare riflettere noi italiani) e tutti gli altri, compreso il Partito delle Donne, che aveva suscitato scalpore con il suo manifesto dove sette donne posavano senza veli.

Conclusioni
La Dieta Polacca sarà quindi composta di soli quattro partiti, ai quali si potrebbe aggiungere un parlamentare della Minoranza Tedesca.
C'è da sperare che questa sia l'ultima volta che i polacchi mandano a casa il governo uscente (finora è sempre accaduto, come in Italia) e che la Polonia diventi una democrazia sempre più forte, che possa servire da esempio ai vicini, in primis all'Ucraina ancora spaccata di cui speriamo Tusk si faccia avvocato in Europa più di quanto non lo sia stato Kaczynski.
Intanto è tempo di brindare alla nuova Polonia e di dire ai cugini polacchi: "Bentornati in Europa!"

(di Michele Bondesan)



8 settembre 2007

Elezioni anticipate in Polonia

Nuove elezioni in vista in Polonia. Il parlamento di Varsavia, come previsto, ha ieri deliberato di sciogliersi per mettere fine a una crisi politica che andava avanti da diverse settimane.
A favore di elezioni anticipate si sono espressi oltre due terzi dei deputati.
Il primo ministro Jaroslaw Kaczynski non riusciva infatti più a governare dopo i litigi tra il suo partito conservatore Diritto e giustizia e i suoi alleati, il partito dell'Autodifesa e l'ultracattolica Lega delle famiglie polacche.
La data delle nuove consultazioni, che dovranno tenersi entro 45 giorni, potrebbe essere quella del 21 ottobre.
L'opposizione spera che il ritorno alle urne significhi la fine dello strapotere dei genelli Kaczynski, uno dei quali Lech, rimarrà comunque in carica come Presidente della repubblica.
Ma non pochi si aspettano che i fratelli - dopo aver usato i servizi segreti per spiare oppositori e giornalisti, come sono accusati di aver fatto - stiano preparando colpi bassi per la campagna elettorale.

(da EuroNews)



6 settembre 2007

L'Italia vuole la Libia nell'ENP

(ANSA) - BRUXELLES, 3 SET - L'Italia chiede ''di recuperare un rapporto pieno tra l'Unione Europea e la Libia''. E lo fa intervenendo alla prima conferenza a livello ministeriale sulla politica di vicinato (Pev), la cornice con la quale la Ue gestisce le sue relazioni con i vicini 'di casa', dall'Ucraina, al Caucaso ai paesi del nord Africa. A questo primo appuntamento, voluto dalla Commissione Ue e dalla presidenza portoghese di turno, che ha come obiettivo il rafforzamento della Pev a tre anni dal suo lancio, la Libia partecipa in qualita' di ''osservatore'', come la Siria e la Bielorussia. ''E' giunto il momento affinche' la Libia possa entrare a pieno titolo nelle politiche di vicinato della Ue'', ha detto il sottosegretario degli esteri Famiano Crucianelli, che ha rappresentato l'Italia a Bruxelles. Il governo italiano ritiene che, dopo la soluzione positiva della vicenda delle infermiere bulgare e del medico palestinese, ''oggi ci sono condizioni migliori'' per avviare nuove relazioni con Tripoli. Pertanto, ''l'Italia auspica una piena integrazione della Libia nelle politiche europee''. La Libia e' l'unico paese della cintura mediterranea che non partecipa alla Politica di vicinato e neppure al Processo di Barcellona. ''Finora, il governo libico non ha avanzato alcuna richiesta in questo senso'', ha rilevato Christiane Hohmann, portavoce della commissaria Ue agli affari esteri Benita Ferrero-Waldner, annunciando un incontro bilaterale tra la stessa commissaria e il vice ministro libico, Abdullati Abrahim Elobeidi. Durante l'incontro, il primo dopo la liberazione del personale medico in luglio, e' stato evocato il tema delle future relazioni. ''Spetta agli Stati membri decidere quale tipo di mandato negoziale affidare alla Commissione'', ha detto la portavoce. ''La questione sara' definita dai ministri degli esteri della Ue, nella riunione del Consiglio prevista in ottobre a Lussemburgo''. Per ottenere il rilascio delle infermiere e del medico, condannati a morte, la Ue ha promesso a Tripoli di migliorare il quadro delle relazioni. L'accordo firmato prevede una nuova cooperazione in cinque aree, tra cui misure per facilitare le esportazioni libiche verso il mercato europeo, un dispositivo per la sorveglianza delle frontiere libiche per terra e per mare per affrontare l'immigrazione clandestina e facilitazioni per i visti. (ANSA). OS

Tanto per non smentire l'orrida politica di cui è stato padre, e per portare avanti quella filoaraba, Prodi con il suo governicchio vuole snaturare ancora di più la ENP estendendola alla Libia, che ci risulta essere una dittatura come la Siria e la Bielorussia. Sarà forse per questo che sono semplici "osservatori", no?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Libia politica europea di vicinato

permalink | inviato da vivaleuropa il 6/9/2007 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


6 settembre 2007

Nuovi dialoghi sulla riunificazione di Cipro

Un incontro patrocinato dall'Onu fra i leader greco-cipriota e quello turco-cipriota per rilanciare il dialogo sulla possibile riunificazione dell'isola.
Tassos Papadopoulus, Presidente greco-cipriota e Mehmet Ali Talat, leader della Repubblica Turca di Cipro Nord, si sono incontrati nella "zona verde" della città di Nicosia. Scopo dell'incontro: cercare di resuscitare l'accordo raggiunto in luglio 2006 ma che da allora giace inapplicato.
Le due comunità sono divise da ormai 33 anni. Ad aprile 2004 la parte greca boccia con un quasi plebiscito il referendum sul piano di riunificazione proposto dall'allora segretario delle Nazioni Unite Kofi Annan. Una settimana dopo il referendum, la sola parte greca entra ufficialmente a far parte dell'Unione Europea.
La Repubblica Turca di Cipro Nord resta una entità riconosciuta esclusivamente da Ankara. Lo stallo dei negoziati rimette in gioco il rischio che l'unica soluzione sia la separazione permanente delle due parti.

(da EuroNews)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cipro riunificazione

permalink | inviato da vivaleuropa il 6/9/2007 alle 10:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 luglio 2007

La ri-vincita di Erdogan

 Alle elezioni politiche del 22 luglio il partito del premier Erdogan, l'AKP, si è riconfermato di gran lunga il primo partito della Turchia, col 46.7% di voti. Entrano in parlamento anche il CHP e i nazionalisti del MHP. Bene per i candidati indipendenti curdi che riescono a mandare in parlamento 23 deputati


La Turchia ha scelto ieri il suo nuovo parlamento. Il partito AKP si è aggiudicato una vittoria schiacciante dal punto di vista percentuale. Un elettore turco su due, 46,76%, 12% in più rispetto alle precedenti elezioni, ha scelto di votare il partito del premier Tayip Erdogan.
Vittoria più contenuta dal punto di vista del numero dei deputati conquistati, 341, inferiore a quello della passata legislatura ma sufficiente per consentire al partito di stare solidamente al governo del paese.
Come da previsioni anche l’ingresso in parlamento del Partito Repubblicano del Popolo (CHP) che ha conquistato il 20,64% dei voti e 110 deputati e del Movimento di Azione Nazionale (MHP), 14,33% e 71 deputati. Ottimo risultato per candidati indipendenti curdi che con 23 deputati avranno la possibilità di creare un loro gruppo parlamentare. Luci e ombre invece tra gli indipendenti di sinistra. Ce l’ha fatta Ufuk Uras, candidato nella zona asiatica di Istanbul, disco rosso invece per Baskin Oran nella parte europea.
“Una vittoria della democrazia” è stato uno dei commenti più condivisi tra politici ed osservatori. 84% la percentuale di votanti, superiore a quella del 2002. Operazioni di voto e di scrutinio svoltesi in un clima rilassato e di grande efficienza che ha permesso di avere significative proiezioni e poi risultati quasi definitivi già nella tarda serata di domenica.
Un altro elemento interessante riguarda la rappresentatività del nuovo parlamento nel quale si troveranno ad essere rappresentati l’85% dei voti, mentre nel 2002 il 45% dei voti espressi per effetto dello sbarramento del 10% non trovò spazio in parlamento. La presenza di quattro partiti inoltre, seppur con il rischio di una maggiore conflittualità, rende questo parlamento più capace di rappresentare le diverse componenti della società turca.
Significativo il dato riguardante le donne che sono passate da 24 a 47, un sensibile miglioramento, anche se la presenza femminile in parlamento rimane sotto la soglia del 10%. E’ il partito curdo DTP quello che proporzionalmente ha lasciato maggior spazio alle donne, 9 elette su di un totale di 23.
Nei suoi primi commenti, in un clima di grande entusiasmo, il premier Erdogan dopo aver ricordato che “per la prima volta dal 1954 un partito al governo viene confermato aumentando addirittura i suoi voti”, ha tenuto subito a lanciare messaggi rassicuranti. Prima ricordando come l’AKP “rimarrà ancorato ai principi fondamentali della repubblica” e poi garantendo l’immediata ripresa del processo di riforme economiche e politiche “con il deciso obbiettivo di arrivare all’adesione europea”. Tra molti osservatori di fronte allo schiacciante esito delle urne serpeggia la preoccupazione che il partito si possa far prendere da tentazioni piglia-tutto. Per il momento il premier ha tenuto a rassicurare ricordando “che sarà il primo ministro di tutti e non solamente di quelli che lo hanno votato”.
Silenzio da parte del gruppo dirigente del CHP che rischia di essere travolto dalla disastrosa sconfitta. Da ieri il presidente Deniz Baykal è irreperibile, voci incontrollate lo darebbero rinchiuso dentro casa. A parlare di fronte ad una folla inferocita che chiede le dimissioni del presidente si è presentato il segretario generale del partito: “Rifletteremo sul risultato di queste elezioni”.
Moderato entusiasmo da parte del presidente del MHP Bahçeli secondo il quale la gente “ha affidato al partito il compito di stare all’opposizione”.
Emozione invece nelle dichiarazioni di Aysel Tugluk, astro nascente della politica curda, che garantisce “una robusta opposizione in parlamento”. Per Akin Birdal ex presidente dell’associazione dei diritti umani (IHD), eletto a Diyarbakir “i deputati del DTP non saranno la speranza solo dei curdi ma dell’intera Turchia”.
Il co-presidente del partito Ahmet Türk dopo aver confessato “in queste elezioni ci siamo presi una rivincita” non può fare a meno di riconoscere che l’AKP ha fatto man bassa di voti anche nelle regioni orientali “altrimenti avremmo portato in parlamento almeno 30 deputati”. Rimane però l’indiscutibile fatto che il ritorno dopo il 1991 di rappresentanti curdi in parlamento costituisce un’occasione imperdibile per cercare di risolvere una questione, quella curda, che rimane una delle maggiori incognite del futuro prossimo del paese.
Primi bilanci anche tra coloro che non sono riusciti a superare lo sbarramento del 10%. Pressoché azzerato il partito Saadet dell’anziano Necmettin Erbakan, ridimensionato il Genc Parti di Cem Uzan e dimezzato il neo-nato Partito Democratico il cui presidente dimissionario, Mehmet Agar, rappresenta la prima vittima di queste elezioni.
Con la schiacciante vittoria di ieri la metà della società turca ha deciso di preferire la continuità e la stabilità del processo riformatore innescato dal partito di Erdogan piuttosto che farsi catturare dalle sirene del nazionalismo e dello scontro ideologico agitate da un opposizione che sembra in realtà voler ostacolare il processo di trasformazione in corso.
A rendere poi più corposo il risultato dell’AKP hanno contribuito la politicizzazione di alcuni organi istituzionali nelle polemiche dei mesi scorsi e la brusca interferenza delle forze armate con il comunicato internet del 27 aprile.
Infine la ferma reazione del governo di fronte all’intervento dei militari non può non avergli fatto guadagnare ulteriori consensi tra coloro che non desiderano vedere le forze armate mescolarsi alla politica.
Nei prossimi giorni il primo scoglio, l’elezione del presidente della repubblica, di fronte al quale il partito di Erdogan avrà l’occasione di dimostrare, evitando contrapposizioni frontali e cercando la strada del compromesso, di aver compreso il ruolo che è chiamato ad incarnare.

(Fabio Salomoni su Osservatorio Balcani)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Turchia elezioni Erdogan AKP CHP MHP curdi

permalink | inviato da vivaleuropa il 24/7/2007 alle 9:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


21 luglio 2007

Il Kosovo dichiarerà l'indipendenza il 28 novembre

PRISTINA - Il primo ministro del Kosovo, Agim Ceku, ha detto oggi che il suo Paese dovrebbe dichiarare l'indipendenza unilaterale dalla Serbia il prossimo 28 novembre, aggiungendo che il tentativo delle Nazioni Unite di risolvere la questione e' fallito.
Davanti alla minaccia del veto russo, l'occidente dovrebbe accantonare oggi l'ultima risoluzione dell'Onu sul destino della provincia, amministrata proprio dalle Nazioni Unite.
Il 28 novembre segna il giorno dell'indipendenza albanese, una ricorrenza celebrata anche dagli albanesi del Kosovo che costituiscono il 90% della sua popolazione.
Ceku ha detto che il parlamento di Pristina prevede di adottare una risoluzione per fissare la data al suo ritorno da Washington, dove lunedi' prossimo incontrera' il segretario di Stato americano, Condoleezza Rice.
''E' un giorno di festa'', ha detto il premier dopo aver incontrato il rappresentante dell'amministrazione dell'Onu sul Kosovo, il tedesco Joachim Ruecker. ''Le Nazioni Unite hanno fallito''.
Gli Usa hanno fatto sapere che sosterranno una dichiarazione unilaterale, ma l'Unione Europea teme che in futuro il fragile equilibrio interno del Kosovo possa sfaldarsi.
Ceku ha aggiunto che, in base alla risoluzione, l'Ue verra' invitata a prendere il posto dell'Onu nella supervisione della provincia, come gia' proposto dalle Nazioni Unite e rifiutato da Serbia e Russia.

ANSA 20/07/2007 15:32


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. indipendenza kosovo

permalink | inviato da vivaleuropa il 21/7/2007 alle 10:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 luglio 2007

Possibile triumvirato europeo tra Francia, Germania e Gran Bretagna

(ANSA) - LONDRA, 20 LUG - Si profila un possibile triumvirato europeo tra Francia, Germania e Gran Bretagna. Secondo indiscrezioni pubblicate oggi dal 'Financial Times' il presidente francese Nicolas Sarkozy ha proposto al primo ministro britannico ''incontri regolari per armonizzare le rispettive posizioni'' in vista dei summit del Consiglio europeo. Sulla falsariga di quanto gia' avviene tra Francia e Germania. L'idea e' stata lanciata da Sarkozy in vista della visita odierna di Brown all'Eliseo, a riprova che - sottolinea il quotidiano della City - il nuovo presidente francese vorrebbe ''formare una 'troika' tra i tre principali stati membri dell'Unione europea per indirizzare l'agenda dell'organizzazione''. A detta del 'Financial Times' Sarkozy punta a creare uno zoccolo duro composto dai maggiori paesi europei in modo da pilotare al meglio una Ue poco governabile dopo l'allargamento a 27. I leader di Francia e Germania gia' da anni si vedono regolarmente ogni sei-otto settimane, Sarkozy vorrebbe fare lo stesso con Brown. Il governo di Sua Maesta' non sembra pero' molto entusiasta alla proposta. ''Siamo tutti a favore di un'armonizzazione delle posizione. Ma a nostro avviso non deve essere fatto a scapito dei paesi piu' piccoli'', ha detto una fonte diplomatica britannica al 'Financial Times'. ''Quello che vogliamo sono relazioni stabili con tutti i nostri alleati, non soltanto con la Francia'', ha detto al giornale finanziario un portavoce di Brown. (ANSA). I66-LQ



21 luglio 2007

Elezioni in Turchia

L'alta società di Istanbul vota per il nemico Erdogan

da Istanbul

Enda Mermerci è una delle dame chic della Istanbul bene. Moglie di un uomo d'affari molto ricco non ha nulla in comune con le donne islamiche tradizionaliste. Bionda, abbronzatissima, anziché il velo indossa un abito firmato che esalta una scollatura generosa lasciando scoperte le spalle e le braccia. Enda ha accolto così, l'altra sera, oltre 500 invitati al suo party. Industriali, avvocati, finanzieri, gente solidamente laica e che dunque, a rigor di logica, dovrebbe votare per il principale partito secolare, quello repubblicano-kamalista di Baikal, alle elezioni politiche di domenica. E invece no. Enda Mermerci non ha alcuna difficoltà ad ammettere che darà la propria preferenza al premier uscente, l'islamico Erdogan e che l'80% dei suoi amici farà altrettanto. Di più: anche chi voterà per i partiti laici, in cuor suo lo farà sperando nella vittoria dell'Akp, il Partito per la Giustizia e il Progresso.
È uno dei tanti paradossi delle elezioni politiche in programma domani in Turchia. L'alta società vota per Erdogan; come i contadini dell'Anatolia profonda, come gli Imam delle moschee di Istanbul e di Kaydar. Che l'Akp fosse il partito dei poveri era noto, ma perché anche dei milionari?
Per interesse, naturalmente. Perché il premier uscente in cinque anni ha seguito rigorosamente i consigli del Fondo monetario internazionale, liberalizzando l'economia e privatizzando molte società pubbliche, che sono state acquistate dagli stranieri ma anche da molti turchi. Insomma, i ricchi sono diventati ancora più ricchi, peraltro grazie anche al boom della Borsa. E hanno stretto con Erdogan legami sempre più stretti. Al leader islamico le mondanità non dispiacciono, così come i tanti agi che la permanenza al potere gli ha procurato. La saga sulla sua improvvisa ricchezza si è arricchita di nuove rivelazioni: il premier oltre ad indossare un orologio da 40mila dollari, possedere un patrimonio da un milione di euro, partecipazioni in fiorenti aziende intestate a figli, fratelli e cognati, avrebbe acquistato cinque villette da un milione di euro l'una a Uskudar, sobborgo della parte asiatica di Istanbul, con splendida vista sul Bosforo. E, come ha ricordato ieri la stampa, nella legislatura appena conclusa la maggioranza ha approvato una legge che vieta al fisco di chiedere l'origine dei patrimoni ai politici eletti, agli uomini d'affari e ai loro familiari. Questo spiega perché i leader dell'Akp non abbiano remore nell'esibire la loro improvvisa ricchezza (il sindaco di Istanbul, ad esempio, ha appena acquistato la più famosa pasticceria della città). E perché le élites siano diventate improvvisamente filoislamiche.
Di certo domani non diserteranno le urne: intere famiglie interromperanno le vacanze sulla costa tornando nelle città per poche ore, giusto il tempo di votare. L'incertezza sul risultato favorisce l'affluenza alle urne. L'Akp dovrebbe rimanere il primo partito, ma non è detto che riesca ad ottenere la maggioranza assoluta dei seggi. Inutile consultare i sondaggi: in due giorni alcuni lo hanno dato addirittura al 48%, altri solo al 31%, addirittura in calo di tre punti rispetto al 2004. Erdogan potrebbe essere costretto ad allearsi con i candidati indipendenti, molti dei quali sono curdi, o addirittura finire all'opposizione se i due principali partiti laici - quello repubblicano e quello ultranazionalista del Mhp - ottenessero più del 50 per cento.
In ogni caso le classi più agiate non sembrano temere la fine della Turchia secolare e l'islamizzazione strisciante del Paese, denunciata dall'esercito e dalla folla immensa che nei mesi scorsi ha manifestato per le vie delle principali città.
Non sono gli unici ad essere ottimisti sulle intenzioni del Partito per la Giustizia e il Progresso. Da Washington e molte capitali europee continuano a giungere segnali di sostegno a Erdogan, che viene ritenuto più affidabile e ragionevole dei partiti secolari. Anche l'Occidente, più che dall'amore, è mosso dall'interesse, economico e strategico in un Medio Oriente che ha bisogno di stabilità. Quanto sia saggia e premiante questa linea è tutto da vedere.

(Marcello Foa, Il Giornale, 21 luglio 2007)


"Ma la sua vittoria scatenerà solo disordini"

da Ankara

È il giornale della Turchia laica per eccellenza. Cumhuriyet, che in turco significa Repubblica, comparve nelle edicole per la prima volta il 7 maggio 1924, quando si utilizzava ancora la lingua ottomana. A fondarlo fu Yusuf Nadi, grande amico di Mustafa Kemal Ataturk, Padre della Turchia moderna. Il Giornale ha intervistato Ibrahim Yilmaz, il suo direttore, e gli ha chiesto quale sia la situazione nel Paese alla vigilia di un voto storico e che cosa potrebbe significare una seconda vittoria del premier islamico-moderato Recep Tayyip Erdogan.
Direttore, domani si vota. Come vede il suo Paese alla vigilia di un appuntamento così importante?
«All'inizio della campagna elettorale sembrava un Paese che si recava alle urne per scegliere il suo nuovo Parlamento. Nelle ultime settimane il clima è diventato più teso e ci sono stati atti di violenza. Adesso la situazione è critica, non solo per l'esito del voto, ma per quello che verrà dopo».
Si riferisce all'elezione del nuovo Presidente della Repubblica?
«Esattamente. Se Recep Tayyip Erdogan conquisterà nuovamente la maggioranza parlamentare allora temo tornerà a premere per fare eleggere come capo dello Stato uno del suo partito o che comunque favorisca la sua politica».
I sondaggi parlano chiaro. Il consenso per l'Akp (il partito islamico-moderato per la Giustizia e lo Sviluppo, ndr) è attorno al 40%. È convinto che il premier uscente possa ancora perdere le elezioni?
«Aspetto i risultati definitivi. L'Akp può anche prendere il 40%, ma bisogna vedere che percentuale conquistano il Chp (Partito Repubblicano del popolo) e il Mhp (Partito nazionalista). Se è sufficientemente alta possono fare una buona opposizione e soprattutto impedire che Erdogan elegga il presidente della Repubblica autonomamente».
E se Erdogan rivince?
«La laicità che questo Stato ha difeso per tanti anni per la prima volta dopo tanto tempo sarà in serio pericolo. La situazione è grave. Molto».
Come sono stati questi quattro anni e mezzo di governo islamico-moderato?
«Sono stati anni brutti. La Turchia è cambiata ed Erdogan è riuscito a nascondere questo cambiamento dicendo che il Paese si stava modernizzando, che stava entrando in Europa. I risultati li vediamo oggi: il Paese vive in un clima esacerbato. Ci sono due fazioni che sono sempre più contrapposte. La pubblica amministrazione ha raggiunto livelli di corruzione inaccettabili».
Però se Erdogan rivince è perché la gente lo vota. La Turchia oggi è più laica o islamica?
«Se Erdogan rivince è perché una parte del suo elettorato crede alle sue promesse di ricchezza e benessere, non perché tutti condividano la sua ideologia. La Turchia è una Stato laico ed è laica la sua gente. Lo hanno dimostrato milioni di persone, che nei mesi scorsi sono scesi in piazza, senza nessun tornaconto, ma per difendere il loro Paese».
Che cosa ha apprezzato meno durante il governo di Recep Tayyip Erdogan?
«L'arroganza con la quale hanno cercato di imporre Abdullah Gul a Presidente della Repubblica e con la quale sta cambiando la nostra Costituzione».
Che ne pensa del velo islamico?
«Le donne il velo in Turchia lo hanno sempre portato. Erdogan ha caricato questa scelta di un significato politico-ideologico che prima non aveva. Adesso è un elemento di differenziazione».

(Marta Ottaviani, Il Giornale, 21 luglio 2007)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Turchia elezioni Erdogan AKP

permalink | inviato da vivaleuropa il 21/7/2007 alle 10:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 luglio 2007

Gb, record di popolarita' per i laburisti e Brown

LONDRA - Il Partito laburista del nuovo premier britannico Gordon Brown ha raggiunto un livello di popolarità mai raggiunto nei sondaggi da due anni a questa parte, e ciò alimenta le speculazioni sullo svolgimento di elezioni generali anticipate, secondo quanto pubblica oggi la stampa britannica. Due indagini rivelano un balzo significativo della popolarità di Brown, da quando l'ex ministro delle Finanze ha sostituito Tony Blair a Downing Street il 27 giugno scorso.
Secondo il 53% delle persone interpellate in un sondaggio pubblicato dal giornale News of the World, Brown è il migliore per guidare la Gran Bretagna, mentre solo il 27% gli preferiscono il suo avversario conservatore David Cameron. Per l'indagine del Sunday Times, i laburisti ottengono il 40% delle preferenze, contro il 33% per i conservatori e il 19% per il partito liberal-democratico. Da quando Cameron è giunto alla guida dei conservatori nel settembre 2005, è la seconda volta soltanto che i laburisti raggiungono una tale popolarità.
I due giornali, basandosi su questi risultati, speculano poi sull'eventualità che Brown ne approfitti per indire elezioni anticipate, rispetto alla data limite del 2010. L'Istituto Icm ha interrogato per telefono 1.003 persone per ciascuno dei due sondaggi, fra l'11 e il 13 luglio scorsi.

(ANSA, 17 luglio 2007)



10 luglio 2007

Brown: inutile un referendum sul trattato Ue se saranno rispettate le "linee rosse"

Un referendum in Gran Bretagna sul nuovo trattato europeo sarebbe inutile, se il testo terrà conto delle condizioni poste da Londra. L'ha detto il neo primo ministro Gordon Brown dopo un incontro a Downing Street con il premier portoghese e presidente di turno dell'Unione europea, Josè Socrates: "Il lavoro dei prossimi mesi consisterà nel verificare se si è tenuto conto delle linee rosse stabilite dalla Gran Bretagna. In quel caso non vedrei ragioni per fare ricorso a un referendum".
Oltre al futuro del Trattato, a poco più di una settimana dai falliti attentati a Londra e Glasgow i due leader hanno anche parlato di lotta al terrorismo. "La questione della lotta al terrorismo sarâ una delle priorità del nostro semestre" ha dichiarato Socrates. "L'Europa ha bisogno di maggiore collaborazione tra le forze di polizia per affrontare questa minaccia".
Sabato scorso la capitale britannica ha ricordato le vittime degli attentati di due anni fa, in cui morirono 52 persone. Si trattò di uno dei più sanguinosi attacchi di questo genere in un paese europeo. Nel marzo dell'anno precedente, 191 persone erano morte negli attentati ai treni di Madrid. Il prossimo ottobre la Commissione proporrà una serie di misure antiterrorismo, fra cui l'adozione di un sistema di condivisione dei dati dei passeggeri delle compagnie aeree, come già avviene negli Stati Uniti.


(da EuroNews)



6 luglio 2007

Turchia: sì della corte costituzionale alla riforma presidenzialista

La Turchia più vicina all'elezione diretta del presidente della repubblica. La corte costituzionale ha infatti respinto i ricorsi contro la riforma presidenzialista voluta dal primo ministro Erdogan. Ricorsi presentati, oltre che dai socialdemocratici all'opposizione, anche dal capo dello stato Ahmet Sezer, che ora incassa la sconfitta.
Il suo successore potrebbe essere l'attuale minsitro degli esteri Abdullah Gul. A maggio la sua nomina non ha superato lo scoglio del parlamento, dove mancava il numero legale, costringendo il premier Recep Tayyip Erdogan a scegliere la strada delle modifiche costituzionali.
La riforma, che introduce l'elezione diretta del capo dello stato, sarà sottoposta a un referendum, forse a ottobre. Il partito di Erdogan è fiducioso di vincerlo, così come le elezioni politiche anticipate che avranno luogo il 22 luglio.

(da EuroNews) 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. turchia erdogan gul elezioni

permalink | inviato da vivaleuropa il 6/7/2007 alle 10:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


6 luglio 2007

Scandalo Clearstream: perquisita casa di Villepin

I magistrati francesi hanno perquisito per oltre 6 ore l'abitazione dell'ex primo ministro Dominique de Villepin nel quadro dell'indagine sullo scandalo Clearstream, la presunta manovra orchestrata nel 2004 per screditare il futuro presidente della repubblica Nicolas Sarkozy con false accuse di corruzione.
Villepin era stato sentito dai giudici già lo scorso dicembre in qualità di testimone. Al termine dell'interrogatorio si era detto felice di poter collaborare definedosi lui stesso una vittima di calunnie e menzogne. Secondo voci provenienti dagli ambienti giudiziari, Villepin potrebbe essere ora iscritto nel registro degli indagati. L'uomo politico in ogni caso ha chiesto di essere assistito da un avvocato.
L'inchiesta sarebbe arrivata a una svolta alcuni giorni fa con il recupero dal computer portatile di un generale dei servizi segreti di un file di 30.000 pagine che era stato precedentemente cancellato. In queste note si sosteneva che l'ordine di "incastrare" Sarkozy proveniva dal suo rivale Villepin, che agiva addirittura su indicazione dell'allora presidente della repubblica Jacques Chirac.
Lo scandalo scoppiò con la consegna alla magistratura di falsi estratti conto della società Clearstream nei quali alcuni politici, fra cui Sarkozy, figuravano come destinatari di tangenti. Se la vicenda ha contribuito a rovinare la carriera di Villepin, Chirac appellandosi all'immunità presidenziale ha fatto sapere che non testimonierà.

(da EuroNews)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. villepin chirac clearstream sarkozy

permalink | inviato da vivaleuropa il 6/7/2007 alle 10:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 luglio 2007

Nuove rivelazioni coinvolgono Chirac nello scandalo delle calunnie a Sarkozy

Nuovi elementi nell'inchiesta Clearstream tirano in ballo Jacques Chirac e Dominique de Villepin. Una nota cancellata da un computer ma ricostruita da periti informatici affermerebbe che sono stati l'ex presidente della repubblica francese e l'allora ministro degli esteri a spingere un corvo a denunciare l'astro nascente del loro partito Nicolas Sarkozy.
Nel 2004 il nome di Sarkozy, oggi capo dello Stato, fu associato a un giro di tangenti, salvo poi scoprire che le prove a suo carico erano state falsificate ad arte.
La nota che coinvolgerebbe Chirac e Villepin, secondo indiscrezioni, è stata recuperata nel computer portatile del generale Philippe Rondot, ex ufficiale dei servizi segreti francesi che condusse un'indagine parallela sulla vicenda.
Il generale è stato interrogato dai magistrati per tutta la giornata di ieri.
I giudici vogliono capire chi è stato a manomettere gli estratti conto della società finanziaria Clearstream usati per calunniare Sarkozy.


(da EuroNews)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. chirac sarkozy clairstream

permalink | inviato da vivaleuropa il 5/7/2007 alle 9:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 giugno 2007

I gemelli alla guida della Polonia

Durante il semestre di presidenza europea il Cancelliere tedesco Angela Merkel si era prefissata il riavvicinamento con la Polonia. Ma eccetto le galanterie dei gemelli Kaczynski, ha trovato un interlocutore ostico e durante il summit di Bruxelles Berlino ha addirittura dovuto sentir tirare in ballo la Seconda Guerra Mondiale.
"Pare che sia Jaroslaw che prende le decisioni, non Lech" dice dei gemelli Kaczynski Jo Leinen, capo del comitato parlamentare sulla Costituzione. "Ed è una novità" aggiunge "che al vertice venga qualcuno che non ha il mandato di concludere un accordo per il suo Paese e che deve chiedere conferma a chi sta nella capitale".
Mentre a Bruxelles c'è il Presidente Lech, nella capitale Varsavia è rimasto il Primo ministro Jaroslaw. Fatto che, alla vigilia del vertice europeo, era apparso come un segno di apertura della Polonia visto che il più intransigente è considerato proprio il Premier. E' lui che martedì in una intervista alla radio polacca ha dichiarato "se ci si basa su un sistema di voto che fa riferimento a criteri demografici senza tener conto della Seconda Guerra Mondiale, la Polonia sarebbe oggi un Paese di 66 milioni di abitanti".
Riferimento che persino un veterano polacco, residente di Versavia, considera quanto meno indelicato: "Non si può riesumare l'esperienza della guerra. Il mondo è differente da com'era allora. Dobbiamo guardare avanti".
Nonostante le polemiche fra Varsavia e Bruxelles, l'europeismo dei polacchi resta vicino al 90%. E c'è chi senza mezzi termini indica la sola fonte di guai nei gemelli che debuttarono nel 1962 nel film "I due che rubarono la luna" e oggi guidano il Paese. E' il nobel per la letteratura tedesco, nato a Danzica, Gunter Grass che li ha definiti "gli strambi gemelli" Kaczynski.


(da EuroNews)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Kaczynski lech jaroslaw

permalink | inviato da vivaleuropa il 23/6/2007 alle 12:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 giugno 2007

UE, trovato l'accordo su un mini-trattato

"E' stata dura ma ce l'abbiamo fatta". Sono le parole a caldo del Cancelliere tedesco Angela Merkel che alle 5 del mattino, dopo una mega maratona di oltre 20 ore, si è presentata in conferenza stampa a Bruxelles per annunciare il raggiungimento di un accordo sul nuovo trattato europeo che sostituisce la Costituzione.
"Credo che sia la dimostrazione che l'Europa ha fatto del suo meglio. Ciascuno è sceso a un compromesso, ma alla fine il trattato è un grande progresso per la riforma dell'Unione Europea e la renderà capace di agire".
Durante il vertice di Bruxelles le reticenze della Polonia sul sistema di voto a doppia maggioranza sono state superate. Il principio resta: le decisioni saranno approvate con il si del 55% degli stati e del 65% della popolazione. Ma la regola entrerà in vigore in maniera progressiva fra il 2014 e il 2017.
La mediazione con la Polonia dei fratelli Kazcynski è stata condotta con l'appoggio di Francia, Spagna, Lussemburgo e Regno Unito. E proprio le significative concessioni fatte a Londra sono state, in extremis, motivo di ulteriori discordie. Come chiesto da Londra passano dunque la possibilità di chiamarsi fuori dalla carta dei diritti e un ruolo ridotto del capo della diplomazia. Soddisfatto con riserva il Premier italiano Romano Prodi. Ora il tutto verrà fissato dalla conferenza intergovernativa, entro fine anno.

(da EuroNews)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. merkel bruxelles costituzione kaczynski

permalink | inviato da vivaleuropa il 23/6/2007 alle 11:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 giugno 2007

Enfin, Madame Royal!

Anche Ségolène ora si è convinta: "Avevo un programma assurdo"

«Contrordine compagni» sembra lo slogan di Ségolène Royal, che confessa candidamente di non condividere affatto alcuni punti fondamentali del programma con cui il 6 maggio scorso si è presentata al corpo elettorale francese nella speranza d'entrare all'Eliseo. In un incontro informale con la stampa, l'esponente socialista - reduce dalla separazione dal segretario del partito François Hollande, dopo un quarto di secolo di vita comune, durante il quale la coppia ha messo al mondo quattro figli - ha ammesso che l'idea di aumentare lo «Smic» (sigla che sta per «salario minimo intercategoriale di crescita») dal livello attuale di circa 1.200 euro mensili fino a 1.500 euro, nel giro dei prossimi cinque anni, era una pura assurdità. In Francia, dove neppure il 10 per cento della popolazione attiva è iscritta a un sindacato, la fissazione del salario minimo non è demandata alla trattativa di categoria, ma alla legge dello Stato, che assegna al governo il compito di rivalutare ogni anno (per l'esattezza il primo luglio) la cifra in questione. L'aumento dello «Smic» è divenuto la bandiera della sinistra radicale, alla cui logica semplicistica la socialista Ségolène Royal s'è adeguata nel corso della sua recente campagna elettorale per l'Eliseo (allo scopo di ingraziarsi le sinistre interne e soprattutto esterne al suo partito).
Adesso che non è più candidata a nulla - anche se l'anno prossimo tenterà di conquistare la guida del Partito socialista, sostituendosi al dimissionario Hollande - Ségolène Royal può permettersi il lusso di sparare a zero su alcuni punti del programma elettorale da lei stessa difeso in occasione del duello televisivo del 2 maggio contro il leader del centrodestra Nicolas Sarkozy (che ha poi avuto i favori dell'elettorato transalpino). Tra le «bandiere» che la Royal ammette d'aver inalberato più malvolentieri c'è quella dell'aumento demagogico del salario minimo e c'è anche quella dell'orario settimanale di 35 ore, che sono due elementi di fondo della linea politica dei socialisti francesi. Proprio le 35 ore sono state la principale realizzazione del governo della «sinistra plurale», che ha retto la Francia dal 1997 al 2002 sotto la guida del primo ministro Lionel Jospin. Già in campagna elettorale la Royal aveva mosso qualche critica alla rigidità della legge con cui nel 1998 la maggioranza di sinistra dell'epoca decise la riduzione forzata dell'orario lavorativo settimanale, ma adesso le sue contestazioni sono molto più chiare, decise e profonde.
Prendendosela con l'idea degli aumenti esagerati dello «Smic» e con quella della riduzione per legge dell'orario lavorativo, l'ex candidata socialista smonta due elementi chiave della linea politica del Partito socialista francese e in pratica taglia la «barba del profeta». Il suo è - per l'ortodossia della sinistra francese - un atto quasi blasfemo, che la presenta come un'innovatrice e che mette in rilievo le sue contraddizioni: tanto in campagna elettorale la Royal era parsa rassegnata a accettare molti compromessi con le varie anime del suo stesso schieramento, quanto adesso pare decisa a parlar chiaro ai suoi amici non meno che ai suoi avversari. Eccola dire papale papale che l'idea dello «Smic» a 1.500 euro e quella della generalizzazione delle 35 ore «non erano ipotesi credibili». Resta da capire perché abbia fatto finta di crederci e perché abbia promesso ai francesi di trasformarle in realtà qualora fosse stata eletta all'Eliseo. Immediatamente le sinistre socialiste hanno accusato la Royal di ipocrisia e i comunisti hanno rincarato la dose affermando che le sue contraddizioni sono costate care all'intera sinistra francese. Finita la stagione elettorale, gli sconfitti regolano i conti tra loro.

(da www.ilgiornale.it)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ségolène royal elezioni eliseo

permalink | inviato da vivaleuropa il 22/6/2007 alle 10:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 giugno 2007

Summit giorno uno: nessun accordo. L'UE naviga a vista

Per il trattato europeo, a conclusione del primo giorno del summit di Bruxelles, la terra ferma è tutt'altro che in vista. E se non fosse per l'annuncio - ed era atteso, non è una novità - che le isole di Cipro e Malta entreranno nella zona euro l'anno prossimo, Angela Merkel non avrebbe avuto nemmeno un appiglio per ironizzare sul nulla di fatto a fine giornata:
"Intanto come buona notizia, posso dirvi che Cipro e Malta saranno ammesse nella zona euro... Almeno è una buona notizia. Riguardo al resto avrete capito che non c'è ancora alcun risultato. L'atmosfera è stata comunque di apertura e ci sono i presupposti per continuare a lavorare. Ma non possiamo ancora nè annunciare un accordo nè prevedere se sarà possibile raggiungerlo".
Gli incontri bilaterali fra i capi di Stato e di governo dei Ventisette Paesi membri continuano. Francia, Spagna e Italia puntano a creare un nocciolo duro di sostegno alla Germania di Merkel, Presidente di turno, per rimuovere il principale degli ostacoli. La contrarietà della Polonia dei fratelli Kaczynski rispetto al sistema di voto a maggioranza qualificata è la posizione che più rischia di far saltare l'adozione di un trattato semplificato in sostituzione della Carta costituzionale ormai sepolta. Oltre alle reticenze della Gran Bretagna: politica estera, difesa, giustizia e Stato sociale devono restare - secondo Londra - sotto la sovranità nazionale.
La trattativa continua mentre viene sollevato un problema di fondo: l'adozione del trattato semplificato non passerebbe comunque al vaglio dei cittadini.

(da EuroNews)



17 giugno 2007

Legislative Francia: non ci si chiede chi vincerà, ma di quanto vincerà

La Francia attende lo "tsunami" azzurro: Ump verso l'en plein
I francesi oggi votano per il secondo turno delle legislative, ma non è necessario attendere lo spoglio: l’Ump, il partito di centrodestra, ha già vinto. L’unica incognita è di quanto. Saranno «solo» 380 i deputati neogollisti, in un’assemblea che ne conta 577? O addirittura 463, numero fino al quale si spingono alcuni sondaggi? Poco importa. Nicolas Sarkozy sa che potrà contare su una maggioranza ampia per cambiare in profondità il Paese. Lui l’ha chiesta agli elettori, che già una settimana fa avevano risposto entusiasticamente: al primo turno erano stati assegnati 110 seggi - un record - quasi tutti all’Ump. Questa sera sapremo se sulla Francia si abbatterà uno «tsunami» o semplicemente un’ondata azzurra.
Di certo i socialisti appaiono tramortiti e, come sempre, divisi. Più che nei propri programmi confidano negli errori altrui; uno in particolare, quello commesso dal primo ministro François Fillon, che pochi giorni fa ha dichiarato di voler aumentare del 4,5% l’Iva per finanziare lo stato sociale. Una decisione che non è piaciuta: a destra molti l’hanno criticata, ritenendola in contraddizione con le promesse di alleggerimento fiscale garantito da Sarkozy; a sinistra tutti ne hanno denunciato gli effetti inflazionistici e la riduzione del potere d’acquisto, soprattutto a carico delle classi più basse. Fillon è subito corso ai ripari, precisando che si trattava di un progetto ancora da verificare e che comunque non sarebbe stato esaminato prima dell’estate. Come dire: è un’idea tra le tante.
Le polemiche sono diminuite, ma non sono rientrate del tutto, ponendo i partiti in una situazione paradossale, quasi a ruoli invertiti: il centrodestra costretto sulla difensiva per una riforma statalista e dai chiari intenti sociali; il partito socialista indotto a battersi contro l’aumento delle imposte. Schermaglie, che però qualche effetto, forse, hanno sortito. I leader della «gauche» ci contano e in chiusura di campagna elettorale si sono mostrati più fiduciosi. Il loro obiettivo in realtà è modesto: sarebbe già un successo se riuscissero a mantenere i seggi di cui disponevano nel Parlamento uscente ovvero 141 deputati più 8 affiliati.
Tutto dipenderà dalla partecipazione, che una settimana fa è stata bassissima, al 39,56%. Storicamente al ballottaggio scende ulteriormente e se non ci sarà un’inversione di tendenza potrebbe toccare il 45%. A disertare le urne sono soprattutto gli elettori di sinistra, che non hanno ancora smaltito la delusione per la sconfitta di Ségolène alle presidenziali. Quelli di destra sono, ovviamente, più motivati, ma non in tutte le fasce d’età. Il dato che accomuna la gauche e l’Ump è il crollo dalla partecipazione giovanile. I ragazzi tra i 18 e 30 anni che un mese fa si erano recati in massa a votare, non si interessano alle legislative; il che conferma da un lato la natura sempre più presidenziale del sistema politico francese, dall’altro la crescente sfiducia nei partiti.
Si spiega così il collasso del Partito comunista, che al primo turno ha perso molte roccaforti rosse, e che stasera potrebbe conquistare solo una dozzina di seggi. Il Fronte nazionale galleggia al 5% e non avrà deputati. Male, malissimo, anche quel François Bayrou, che alle presidenziali aveva ottenuto il 18,5% e che al primo turno delle legislative è precipitato al 7%. Il suo neonato Movimento democratico dovrebbe racimolare due o tre seggi, tra cui quello dello stesso Bayrou, che verosimilmente ha male interpretato il voto di un mese fa. Era convinto che in Francia si fossero create le condizioni per un terzo polo centrista, capace di rompere l’alternanza destra-sinistra. In realtà gli ultimi risultati dimostrano che il Paese non è interessato alla nascita di un centro forte e, che, a ben vedere, i francesi non nutrono particolare fiducia nemmeno in Bayrou; il quale il 22 aprile arrivò terzo nella prima tappa della corsa all’Eliseo non tanto per meriti personali, ma perché rappresentava l’unica possibile alternativa per quegli elettori di destra e di sinistra che non erano convinti né da Ségolène Royal, né da Nicolas Sarkozy. Correndo da solo l’ex leader dell’Udf ha ottenuto meno della metà dei voti.
La maggior parte dei grandi della politica francesi dovrebbe riuscire a entrare in Parlamento, con qualche possibile eccezione. A destra trema solo Alain Juppé, che, se non ottenesse il seggio, perderebbe anche il posto di ministro, in base alle ferree regole imposte da Sarkozy. A sinistra sono in bilico alcuni fedelissimi della Royal, tra cui in particolare lo stratega Julien Dray e l’ex portavoce Arnaud Montebourg. Sono gli unici brividi di un’elezione ampiamente scontata.

(di Marcello Foa su Il Giornale, 17 giugno 2007)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. legislative Francia Royal Sarkozy Ump PS

permalink | inviato da vivaleuropa il 17/6/2007 alle 9:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 giugno 2007

Salviamo Sderot!

Comunicato Honest Reporting Italia 27 maggio 2007
Salviamo Sderot!

Da sette anni, gli abitanti di Sderot vivono nel costante terrore.
Su quella che un tempo era una ridente cittadina di 20.000 abitanti,
da sette anni piovono con frequenza quasi quotidiana missili Qassam
lanciati dai palestinesi della striscia di Gaza.
In sette anni, circa 8.000 razzi palestinesi hanno avuto come
bersaglio esclusivamente obiettivi civili israeliani, quali case,
scuole, ospedali, giardini d'infanzia, centri commerciali e ogni
altro luogo in cui ci sia un'alta concentrazione umana.
Scopo evidente è uccidere il maggior numero di persone, uomini e
donne, vecchi e bambini.
Nell'agosto 2005 il governo israeliano ha messo in atto lo sgombero
totale dei 25 villaggi situati nella striscia di Gaza, nella
speranza di ottenere in cambio una maggiore sicurezza per i suoi
cittadini residenti nel Sud del Paese e lungo i suoi confini.
La risposta palestinese non si è fatta attendere: dove erano le
serre, che producevano tonnellate di verdure e davano lavoro a
centinaia di palestinesi, sono stati scavati i tunnel dai quali
passa il contrabbando di armi e l'ingresso dei terroristi, come
possiamo vedere qui:
http://www.drybonesproject.com/blog/gazaGreen.jpg

e quelli che un tempo erano fertili insediamenti agricoli sono stati
in un attimo trasformati in ulteriori basi di lancio, e l'intensità
dei lanci è aumentata.
Per avere un'idea della situazione suggeriamo di guardare, fra i
molti disponibili, questi due filmati:

http://www.youtube.com/watch?v=fJ5CtzTQXPs

http://www.youtube.com/watch?v=j68nFQ20o0s

Durante tutti questi anni abbiamo assistito, incredibilmente, a un
silenzio pressoché totale su tutto questo: sia i media che la
politica internazionale hanno totalmente ignorato quanto sta
accadendo, hanno ignorato il martirio che la città di Sderot sta
quotidianamente subendo, per svegliarsi unicamente quando Israele
decide di reagire. Quando ciò accade, è tutto un indignarsi, è tutto
un protestare, è tutto un condannare: rivolto a Israele, beninteso.
Anche in questi ultimi giorni, in cui i palestinesi hanno
ulteriormente intensificato i lanci di missili, non abbiamo sentito
se non condanne per "l'uso sproporzionato della forza" da parte di
Israele. E nel frattempo Sderot muore. Nel frattempo gli abitanti di
Sderot fuggono a migliaia. Nel frattempo quelli che non possono
fuggire, avendo non più di 15 secondi di preavviso tra l'allarme e
la caduta del missile soffrono per gravi traumi psicologici e
psichici.

Noi vogliamo che tutto ciò abbia termine. Chiediamo a tutti coloro
che leggeranno questo testo di agire in prima persona. Chiediamo che
tutti scrivano ai propri giornali di riferimento per chiedere di
informare puntualmente sul martirio che Sderot sta subendo, e non
solo sulle risposte israeliane. Chiediamo che tutti scrivano al
maggior numero possibile di politici per chiedere loro di prendere
nettamente posizione su quanto sta accadendo da anni sotto gli occhi
di tutti, per chiedere loro di chiudere una volta per tutte la
vergognosa pagina della "equivicinanza" tra carnefici e vittime che
da troppo tempo contraddistingue la nostra politica estera, per
chiedere loro di fare pressione sui propri contatti palestinesi per
far cessare questa barbarie. Qui:
http://www.camera.it/deputatism/245/documentoxml.asp

potete trovare gli indirizzi email dei deputati e qui

http://www.senato.it/leg/15/BGT/Schede/Attsen/Sena.html

quelli dei senatori.
Chiediamo infine che tutti coloro che, fra quanti leggeranno questo
testo, dispongono di un sito web, di un blog, di un qualunque tipo
di spazio pubblico, lo utilizzino per diffondere ulteriormente
questo appello, chiediamo che tutti coloro che lo riceveranno lo
inoltrino alle proprie mailing list. E firmiamo anche le petizioni
indirizzate agli stati membri dell'Unione Europea qui:
http://www.petitiononline.com/EU2007/
e qui:
http://www.petitiononline.com/Sde2007/petition.html

Collaboriamo tutti, per quanto sta nelle nostre possibilità, a
salvare Sderot dalla distruzione totale.

Invitiamo i nostri lettori a scrivere ai mass media per protestare
contro servizi scorretti e faziosi, e a inviarci copia dei loro
messaggi presso
HR-Italia@honestreporting.com




permalink | inviato da il 1/6/2007 alle 16:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 maggio 2007

Rachida, per l'islam e per Sarkò

 Rachida Dati à Fleury Mérogis peu après sa nomination
Rachida Dati, neoministra della Giustizia

«Io sono una donna francese di origine francese», è solita rispondere Rashida Dati quando un interlocutore indiscreto (magari sedotto dai tratti mediterranei del suo fisico) osa chiederle da dove venga. Rashida Dati è nata 41 anni fa nella banlieue di Chalon-sur-Saône, la città francese gemellata con Novara. Lì si era trasferito alcuni anni prima un operaio venuto al mondo in Algeria e sposato con una donna marocchina, che gli ha regalato ben 12 figli. Tra essi c’era appunto la nostra «francese di origine francese».
Il merito di quell’operaio del gruppo vetrario Saint Gobain era indiscutibile: fare di tutto per permettere di studiare ai suoi figli che avevano voglia di andare all’università. Rashida ha fatto molto più che l’università. È entrata nella «grande école» che sforna i rampolli della giustizia, ossia la celebre École Nationale de la Magistrature. Ne è uscita nel 1999 con la toga indosso e con amicizie a 360 gradi: il celebre giurista di sinistra Guy Braibant la considera come una delle sue migliori allieve di tutti i tempi.
Nel 2002 Rashida Dati entra in contatto col ministro dell’Interno Nicolas Sarkozy, a cui manifesta la propria disponibilità a collaborare intensamente. Riceve l’incarico di studiare alcuni tra i più delicati dossier, legati all’immigrazione e alla situazione nelle periferie urbane. Partecipa alla redazione dei disegni di legge e consiglia Sarkozy sull’atteggiamento da assumere al momento della crisi nelle banlieue dell’autunno 2005. Difende con veemenza la sua posizione, sottolinea che «qui non sono gli arabi a occuparsi degli arabi», aggiunge di non essere «l’araba di servizio».
Al momento della campagna presidenziale, Sarkozy vuole che Rashida Dati sia uno dei due suoi portavoce. Eccola mostrare il proprio sorriso di fronte alle telecamere e - quando lo ritiene necessario - tirar fuori le unghie per difendersi e affermare le proprie tesi di fronte a interlocutori dall’aria aggressiva. In più di un caso Rashida Dati ha dovuto alzare la voce, affermando chiaramente la sua posizione a proposito della cosiddetta «rivolta delle banlieue». Secondo lei, alcune bande di autentici teppisti hanno moltiplicato l’insicurezza nelle periferie urbane, prendendosela soprattutto con le giovani donne, da lei considerate come doppiamente vittime di questa situazione di tensione: in quanto oggetto di minacce da parte dei giovani di sesso maschile e, al tempo stesso, costrette a fare i conti con l’atmosfera di tensione che si respira in alcune parti della Francia.
Adesso la magistrata riconvertitasi nella politica impersona l’apertura di Sarkozy sia alle donne sia al mondo dell’immigrazione in Francia e in Europa. Alla place Vendôme - dove, accanto all’hotel Ritz della famiglia Al Fayed, c’è la sede del ministero della Giustizia - Rashida Dati gestirà dossier delicatissimi come quello delle misure straordinarie da varare contro i recidivi o quello della revisione dello statuto penale dei minori. Ma il dossier più «sensibile» sarà forse quello di tenere a bada certi suoi colleghi giudici, che sognano di crocifiggere un ex presidente della Repubblica, di nome Jacques Chirac, adesso che non gode più dell’immunità legata alle sue funzioni di capo dello Stato.

(di Alberto Toscano su Il Giornale, 19 maggio 2007)




permalink | inviato da il 19/5/2007 alle 11:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 maggio 2007

Solo 15 ministri, un governo smilzo per Sarkozy

Il governo del nuovo primo ministro François Fillon è quello della riconciliazione nazionale dopo le bufere politiche degli ultimi decenni. Il presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy, ha cominciato col piede giusto, a costo di sacrificare (almeno per il momento) le ambizioni dei suoi fedelissimi. Ma non aveva scelta, viste le due promesse da lui fatte in campagna elettorale: governo ristretto e sostanziale parità maschi-femmine. I ministri sono quindici, di cui sette donne, e ci sono anche cinque viceministri. Imponendo l’attesa a vari suoi luogotenenti, Sarkozy ha dimostrato d’essere un vero leader, capace di andare contro corrente e di insegnare la disciplina alle sue stesse truppe.
Quello varato ieri da Fillon è davvero un governo controcorrente (l’età media è di poco oltre i 52 anni), in cui alcuni personaggi testimoniano la volontà presidenziale di superare i vecchi steccati nel nome dell’interesse della Francia e anche dell’Europa. I simboli viventi dell’apertura sono soprattutto sette: Alain Juppé, Bernard Kouchner, Jean-Louis Borloo, Hervé Morin, Rashida Dati (a cui è dedicato l’articolo qui a fianco), Jean-Pierre Jouyet e infine Martin Hirsch.
Juppé - che diventa ufficialmente il numero due del governo, titolare dell’Ambiente, del Territorio e dello «Sviluppo sostenibile» - è il braccio destro «storico» di Jacques Chirac (a cui è stato fedele al punto di subire e di scontare una condanna giudiziaria senza farsi sfuggire rivelazioni imbarazzanti sugli anni in cui era suo vicesindaco a Parigi). Premiare Juppé, oggi sindaco di Bordeaux, significa aprire a Chirac, con cui i rapporti di Sarkozy sono stati talvolta delicati.
Kouchner - che diventa super ministro degli Esteri, responsabile anche degli Affari europei - è un esponente del Partito socialista, che lo ha espulso ieri con staliniana disinvoltura. È un medico, che dai tempi della guerra in Biafra, negli anni Sessanta, organizza iniziative umanitarie nei cinque continenti. Ha fondato l’organizzazione «Medici senza frontiere» ed è stato sia amministratore dell’Onu in Kosovo, sia ministro della Sanità nel governo di sinistra del primo ministro Lionel Jospin (fino al 2002). Premiare Kouchner significa aprire alla sinistra moderata e anche agli Stati Uniti, con cui egli ha sempre - anche nei momenti più difficili - cercato un dialogo costruttivo.
Borloo - che diventa super ministro dell’Economia e delle Finanze - è un imprenditore che ha sempre cercato di dar vita a relazioni di reciproca comprensione con i sindacati. Premiarlo significa aprire alle forze vive dell’economia e anche al dialogo tra le parti sociali.
Morin - che diventa ministro della Difesa - è stato nella scorsa legislatura capogruppo dell’Udf (Union pour la démocratie française, il partito del centrista François Bayrou) all’Assemblea nazionale. Premiare lui, significa aprire ai centristi e a quel 18,7 per cento degli elettori che lo scorso 22 aprile ha votato Bayrou al primo turno delle presidenziali.
Jouyet, che diventa viceministro di Kouchner, incaricato degli Affari europei - viene dai ranghi della sinistra ed è stato uno stretto collaboratore di Jacques Delors alla presidenza della Commissione comunitaria fino al 1994. Premiare lui significa aprire all’europeismo dopo lo choc del referendum con cui il 29 maggio 2005 la Francia ha rifiutato la ratifica del trattato costituzionale.
Hirsch - che diventa viceministro per la Solidarietà e la lotta contro la povertà - è il capo dell’organizzazione Emmaus, fondata dall’Abbé Pierre, recentemente scomparso. Premiare l’ex braccio destro dell’Abbé Pierre significa aprire alle forze che nella società e nella Chiesa si battono per l’aiuto ai più deboli. Tanti anni fa l’Abbé Pierre fu deputato, ma stavolta il suo successore entra addirittura al governo. La Francia cambia e proprio questa è la volontà di Sarkozy: dimostrare che può cambiare davvero.


(di Alberto Toscano su Il Giornale)




permalink | inviato da il 19/5/2007 alle 11:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 maggio 2007

Turkey angered by Sarkozy 'Mediterranean Union' idea

Turkey has strongly criticised a proposal, floated by France's new president Nicolas Sarkozy, to set up a "Mediterranean Union" as an alternative to the country's bid for full EU membership, urging the French leader to respect the commitments of the past.
"Turkey is a country that has started [accession] negotiations with the European Union. The negotiations started on the basis of a [EU] decision which was taken unanimously, including France," Turkey's foreign minister Abdullah Gul was cited as saying by AFP.
According to Mr Gul, who has steered Turkey's EU accession talks, "putting obstacles to the progress of the negotiation process would amount to violating signatures and promises made in the past, which I do not think will happen."
Nicolas Sarkozy - known as a firm opponent of Ankara's EU bid – has already indicated he will push for a definition of the bloc's "stable" borders and a re-orientation of talks with the sizeable and relatively poor Muslim country.
The new French leader has suggested forming a loose grouping of 16 countries bordering the Mediterranean Sea, with Turkey to be the backbone of the club.
Under Mr Sarkozy's plan, the group – in order to tie southern Europe with Israel and its Arab neighbors – would form an EU-like council with a rotating presidency and deal with topical issues such as energy, security, counter-terrorism, immigration and trade.
But the idea has met with anger in Ankara, with Mr Gul saying "Turkey is one of the Mediterranean countries, but cooperation in the Mediterranean is one thing and cooperation within Europe is something else."
Ankara began negotiations to join the 27-nation bloc in 2005, but talks on most of the key issues are presently frozen because of Turkey's long-standing dispute with EU member Cyprus.
So far, Turkey has completed compliance with EU legislation in only one area - science and research.

18.05.2007 - 09:28 CET | By Renata Goldirova
© EUobserver.com 2007




permalink | inviato da il 19/5/2007 alle 11:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 maggio 2007

Un gouvernement d'ouverture pour la France

En France, Nicolas Sarkozy a constitué aujourd'hui sur proposition du premier ministre François Fillon un gouvernement resserré de 15 ministres et quatre secrétaires d'État.
Ce gouvernement compte trois personnalités de gauche dont le socialiste Bernard Kouchner et le «transfuge» Éric Besson.
Avec huit hommes et sept femmes, la parité promise par le nouveau président est presque respectée au niveau des ministres mais pas au niveau des secrétaires d'État.
Ce premier gouvernement de l'ère Sarkozy présente comme promis une architecture ministérielle renouvelée. Numéro deux du gouvernement avec le titre de ministre d'État, Alain Juppé sera chargé du grand ministère du Développement durable contrôlant l'Écologie, les Transports et l'Énergie promis par le nouveau président.
Ami de 30 ans de Nicolas Sarkozy, Brice Hortefeux prend la tête du très controversé ministère de l'Immigration et de l'Identité nationale. Il sera chargé également de l'Intégration et du Codéveloppement.
Jean-Louis Borloo, qui se serait bien vu à Matignon, se console avec un grand ministère de l'Économie, des Finances et de l'Emploi. Le trésorier de l'UMP Eric Woerth gérera le Budget et les Comptes publics, ainsi que la Fonction publique.
Autre prétendante déçue pour le poste de premier ministre, l'ex-ministre de la Défense Michèle Alliot-Marie prend la tête du ministère de l'Intérieur, auquel est ajouté l'Outre-mer.
Symbole de l'ouverture voulue par le nouveau président, le socialiste Bernard Kouchner prend la direction du ministère des Affaires étrangères et européennes. Il aura comme adjoint une autre personnalité classée à gauche, l'ex-directeur de cabinet de Lionel Jospin Jean-Pierre Jouyet.
Lui aussi proche de la gauche, le président d'Emmaus Martin Hirsch a accepté un poste de Haut commissaire aux solidarités actives contre la pauvreté. Sans être membre du gouvernement, il participera au conseil des ministres pour les affaires relevant de ses attributions.
L'ancien secrétaire national du PS Éric Besson, rallié à Nicolas Sarkozy entre les deux tours, est récompensé par un secrétariat d'État à la Prospective et de l'Évaluation des politiques publiques.
Hervé Morin, ministre de la Défense, incarne à lui seul l'ouverture de la nouvelle équipe aux UDF. Ce gouvernement expérimenté ne compte que sept personnalités n'ayant jamais siégé dans un gouvernement. Parmi les nouveaux, on relève les noms de la porte-parole du candidat Sarkozy Rachida Dati (Justice), de celle de l'UMP Valérie Pécresse (Enseignement supérieur), de Christine Boutin (Logement), et de l'ancienne «plume» de Jacques Chirac, Christine Albanel (Culture).

(
www.canoe.com)




permalink | inviato da il 18/5/2007 alle 18:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     febbraio       

Questo blog viola espressamente
il decreto legge 262 del 3/10/2006
di riforma della legge sul diritto d'autore



Questa è la bandiera italiana!


Siamo tutti danesi! Per la libertà di espressione e contro il bavaglio che ci vogliono mettere in nome del politically correct


Siamo tutti estoni!
Per la sovranità di Tallinn e contro l'ingerenza del Cremlino

Viva l'Occidente!
Eurabia. Come l'Europa è diventata anticristiana, antioccidentale, antiamericana, antisemita

Bat Ye'or è la nuova Fallaci. Leggete e diffondete questo libro!





Viva Israele!








Partiti europei

Europa
Partito Popolare Europeo
 
PPE

Francia
Union pour un Mouvement Populaire
Union pour un mouvement populaire


Germania
Christlich-Demokratische Union

CDU



Italia
Popolo della Libertà

Popolo della Libertà



Locations of visitors to this page


p>